Sabato 26 Gennaio – “Dov’è Finito lo Zio Coso” con Gianni Poliziani e Alessandro Waldergan

In occasione della giornata della memoria 2019, la compagnia LST Teatro sarà di scena al Teatro Mascagni con uno spettacolo liberamente tratto dal romanzo Lo Zio Coso di Alessandro Schwed, con Alessandro Waldergan e Gianni Poliziani, per la regia di Manfredi Rutelli.  Dov’è Finito lo Zio Coso è un irriverente e grottesco spettacolo sulla discesa a precipizio nell’oblio personale e universale, sull’ansimante risalita dal vero e perenne pericolo della Storia: il fosso della dimenticanza.

È possibile acquistare i biglietti online QUI

Le informazioni sui biglietti possono essere reperite scrivendo a biglietteriaorizzonti@gmail.com o chiamando al 345 9345475

Alessandro Schwed, fiorentino, genovese da parte materna e ungherese da parte paterna, vive a Montalcino con la moglie e il figlio. Negli anni Settanta ha partecipato, con lo pseudonimo di Jiga Melik, all’esperienza della celebre rivista  satirica “Il Male”. Ha scritto testi teatrali per Donato Sannini, Carlo Monni, Carlo Croccolo e Andrea Kaemmerle. Nel 2005 ha scritto Lo Zio Coso, edito dalla casa fiorentina Ponte alle Grazie.

Romano di nascita, ma toscano di adozione, Manfredi Rutelli è regista, drammaturgo e docente teatrale. Ha diretto attori ed attrici come Flavio Insinna, Massimo Wetrmuller, Roberto Ciufoli, Federico Perrotta, Erina Maria Lo Presti, Cristina Aubry, Paolo Bessegato e Francesco Acquaroli. I suoi spettacoli, sia teatrali che di teatro musicale, sono costantemente rappresentati nei circuiti teatrali nazionali.

Alessandro Waldergan è un attore formato inizialmente presso il Laboratorio Stabile Teatrale di Torrita di Siena, diretto da Manfredi Rutelli, e successivamente diplomato in recitazione – nel 2000 – presso il Conservatorio Teatrale diretto da Giovanbattista Diotajuti, a Roma. Come attore partecipa a numerose produzioni teatrali con vari registi, tra cui Manfredi Rutelli, Riccardo Reim, Claretta Carotenuto, Stefano de Luca, Gigi Dall’Aglio, Franco Però, Alberto Gagniarli, Francesco Branchetti, Tiziana Sensi, Angelo Libri, Luc Cognet. Negli ultimi anni all’attività attoriale affianca anche quella di insegnamento teatrale.

Gianni Poliziani è un attore di esperienza quarantennale. Negli anni ’80 frequenta la scuola di teatro presso il Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano tenuta dal regista Massimo Masini. È allievo di Mario Valgoi, Franco di Francescantonio e Francis Pardhelain. Negli anni novanta e duemila collabora come attore e regista con il Teatro Amiata di Abbadia San Salvatore, Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano, Accademia Arrischianti di Sarteano e Fondazione Orizzonti di Chiusi ed è docente esterno di teatro presso il comprensorio scolastico di Chiusi. Tiene vari laboratori e corsi di teatro per ragazzi e adulti nel territorio toscano e umbro.

 

 

 

Spettacolo  fuori abbonamento