“Murielle” – Livia Castellana

Murielle

Liberamente tratto da  “Una donna spezzata” 

di Simone de Beauvoir

Riadattamento a cura di Gianni Poliziani e Livia Castellana

Una stanza. Una poltrona. Una donna.

Una stanza che fa da filtro tra l’esterno caotico di una città in festa e la solitudine della sua realtà quotidiana.

Una sola poltrona, centro di vita, avvolgente, quasi un rifugio. 

Una donna. Amareggiata? Disorientata? Arrabbiata?

Forse solo una donna insoddisfatta che ha smesso di sognare, suo malgrado, da molto tempo.

Gli affetti, i progetti, le speranze si sono sgretolati uno dopo l’altro senza che lei potesse impedirlo.

Il muro di incomprensioni che si è creato nel tempo tra lei e gli affetti più cari sembra insormontabile. Ma la vita non finisce neanche quando smetti di sognare, semplicemente non ti puoi arrendere… 

 Preparati, fatti bella ed esci.

“Lo so, gli farebbe comodo che scomparissi… sono come un cardo dentro le loro mutande. Ah no, non gli farò questo piacere”.

Il linguaggio, appositamente confuso e disordinato, a tratti ironico, simula il caotico flusso dei pensieri che dimorano nella testa della protagonista, e fa percepire quella lucida follia, causa scatenante del suo malessere esistenziale.

Una risposta a ““Murielle” – Livia Castellana”

  1. This is the right website for anyone who wants to understand this topic. You understand so much its almost hard to argue with you (not that I really would want toÖHaHa). You certainly put a brand new spin on a subject that has been discussed for many years. Wonderful stuff, just wonderful! This is the right website for anyone who wants to understand this topic. You understand so much its almost hard to argue with you (not that I really would want toÖHaHa). You certainly put a brand new spin on a subject that has been discussed for many years. Wonderful stuff, just wonderful! נערות ליווי בבת ים

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.